Perché è così difficile seguire una dieta?

urlo_di_munch.jpg

Domanda iper-complessa, con mille voci che si intrecciano.
Vediamone intanto 3, tra le più frequenti.

1. Perché la dieta è “sbagliata”semafororosso

Se hai scelto una formula “perdi 7 chili in 7 giorni” credi ancora alla bacchetta magica. Qualunque Mago Merlino ti dia da pronunciare un incantesimo misterioso, diventa il tuo faro nella notte.
E sei capace di buttarti anima e corpo in qualunque scelta strong, per quanto innaturale e insensata ti possa sembrare. Anzi, pensi che più sia STRONG  e più risulterà efficace.
Non importa che le indicazioni vadano contro le normale regole biologiche (consumi, accumuli, rallentamento metabolico). Preferisci  ignorare tutto e dedicarti alla ristrettezza calorica o all’eccesso proteico, o al beverone magico.
Non impari a mangiare. Il tuo corpo prima o poi si ribella e butti a mare la dieta (che era sbagliata, in ogni caso).
Ed a breve torni alla casella di partenza.

2. Perché il mondo intorno a te rema controsemaforogiallo

Una gifter ci scrive che “per festeggiare, le colleghe hanno portato bibite e pasticcini“. Il giorno dopo “ero a pranzo dalla mamma tentatrice, che mi ha servito le lasagne della rosticceria, patatine fritte, ciambellone e caffè con panna“.
Ora: le persone intorno a noi, non SONO COSTRETTE ad aiutarci.

Certo, sarebbe bello se almeno non mettessero i bastoni tra le ruote.
Ma sta a noi, imparare a dire, cortesemente: “No, grazie”.
Oppure: “NO, grazie!!!” (3 punti esclamativi, quindi cambia il tono)
Oppure: “Ti ringrazio, mi sto prendendo cura di me, ho intrapreso un percorso nutrizionale, per stare meglio. Ci vediamo per il caffè o la coppetta di fragole (senza zucchero)”   

3. Perché “in fondo non ne sono così convinto”semaforogiallo

Se penso che mangiare meglio non mi serva.
Oppure “non ce la potrei fare, in ogni caso”.
Oppure “non ho abbastanza tempo”.
Oppure “mio marito non mangerà mai l’integrale”.
Oppure “mangiare bene costa troppo”
Ecco qui andiamo nel campo della motivazione e sconfiniamo in quello degli alibi.
E’ un campo che più propriamente richiede un lavoro di introspezione, ed una maturazione psicologica. 

Quindi mi fermo qui.

Posso però dare un contributo pratico, per fare vedere come il metodo dietaGIFT sia accessibile a tutti:semaforoverde

La dietaGIFT per chi comincia http://www.antonellacarini.it/dietagift-per-chi-comincia/

La dietaGIFT per chi ha poco tempo http://www.antonellacarini.it/giftpocotempo/

Il costo del cibo http://www.antonellacarini.it/buono-caro-costo-del-cibo-qualita/

GIFT: cosa ci devi mettere TU? http://www.antonellacarini.it/cosa-significa-dimagrire/

Basta scuse, paure immotivate, diete rimandate a lunedì. Leggiamo, informiamoci, mettiamoci in cammino.
Possiamo così creare ed alimentare la nostra motivazione.