5 febbraio, Giornata nazionale contro lo spreco alimentare

SprecoAlimentare.png

Il 5 febbraio, dal 2014, con lo slogan “ONE HEALTH, ONE EARTH” è la Giornata nazionale contro lo spreco alimentare.

Questo spreco, in Italia e nel Mondo, è stato per troppo tempo sottostimato. Forse è stata proprio la recente crisi economica globale ad accendere una luce potente su questo aspetto fondamentale, che ha mille sfaccettature, spaziando dagli aspetti etici fino a quelli economici,  ambientali e culturali.

Ed allora proviamo a vederle queste sfaccettature, per diventare sempre più consapevoli del tesoro che ogni giorno, colpevolmente e vergognosamente, buttiamo via. Letteralmente.
Vediamo prima la situazione in Italia.

1. CIBO CHE FINISCE NEL CESTINO

Secondo le stime più recenti, nel nostro Paese va sprecata una quantità di alimenti che sarebbe in grado di soddisfare il fabbisogno alimentare di tre quarti della popolazione italiana.  Tre quarti!
Una dimensione enorme, corrispondente ad oltre 44 Milioni di persone! E quasi incredibile.
Ma che è perfettamente in linea con quello che la FAO ha documentato a livello planetario: gli sprechi alimentari nel mondo potrebbero arrivare a sfamare l’intera Africa!
Per approfondimento: gli sprechi alimentari potrebbero sfamare l’Africa – Fonte: FAO.

E l’immagine visiva è penosa: ognuno di noi, dal neonato al nonnino, butta in pattumiera ogni anno ben 27 kg di preziosi alimenti!
Il valore di questa immensa quantità di cibo è di quasi 10 Miliardi: 6,5 Miliardi viene perso a livello domestico, mentre circa 3 Miliardi  lungo la filiera, nelle fasi di produzione e distribuzione.
In soldoni, si bruciano, per ogni Italiano, oltre mille euro a testa in un anno! 

Una piccola luce di speranza è rappresentata da un trend attualmente positivo: i dati relativi al 2020 mostrano una riduzione di tale spreco. Forse la pandemia ha girato la nostra attenzione maggiormente verso la vita tra le mura di casa, ci ha portato a razionalizzare la spesa, ad avere tempi più rallentati e più possibilità di vivere in cucina.

Nel 2020, rispetto al 2019, proprio in virtù del miglioramento in atto, si è verificato un risparmio nazionale di 376 milioni, secondo il monitoraggio del Waste Watcher International su rilevazioni Ipsos. 

Leggendola in termini di “peso”, rispetto alla massa enorme di cibo perso (circa 2 Miliardi di tonnellate di cibo), si è verificata una riduzione di oltre il 10% rispetto agli anni precedenti.

E questo trend è continuato nel 2021 e speriamo che la strada sia tracciata!

2. SPRECO DI ACQUA

L’Università di Napoli, nel 2012, ha indagato il fenomeno della perdita di acqua, sia in modo diretto che indiretto. Sono 1.226 milioni i metri cubi d’acqua impiegata nella produzione del cibo che viene poi gettato via senza essere consumato. Di questi, 700 milioni di metri cubi vengono sprecati dai consumatori,  mentre i restanti si perdono durante la filiera produttiva, ancora prima di arrivare nelle nostre case. E pensare che questo oceano di buona acqua potrebbe soddisfare il fabbisogno idrico annuo di 19 milioni di italiani!
Un vero colpo al cuore, se pensiamo all’attualissimo tema della scarsità delle risorse idriche del pianeta, da tempo aperto su tutti i tavoli di confronto dei Grandi del Pianeta (anche se forse mai abbastanza in primo piano).
Eppure, mentre l’acqua è un macronutriente essenziale per la sopravvivenza, spesso riscuote meno interesse del petrolio. O di qualche metallo prezioso che moltiplica le performance dei nostri cellulari. 
Sarebbe ora di mettere in sicurezza il Pianeta. Poi sarà bello migliorarci la vita con viaggi, comunicazioni e comodità di ogni tipo.

3. SPRECO = INQUINAMENTO

E’ un’altra voce importantissima di questo triste elenco: produrre beni alimentari destinati alla pattumiera fa impennare i danni all’ambiente.
Basti pensare all’utilizzo di fertilizzanti usati “inutilmente” e che contaminano il suolo.
Poi c’è lo spreco in termini di combustibili fossili ed altre fonti energetiche impiegate nella produzione, preparazione, trasporto, cottura e conservazione di quel cibo fantasma.
Ed inoltre sono 24,5 i milioni di tonnellate di biossido di carbonio sprigionati inutilmente in atmosfera: il 20% di questi gas serra solo dal settore trasporti.

Nel resto del Pianeta, non va certo meglio. Anzi!
Premettendo che lo spreco pesa soprattutto sulla coscienza del mondo ricco, vediamo cosa succede altrove.

E NEGLI ALTRI PAESI?

I dati sono drammatici. Dal 1974 a oggi lo spreco alimentare nel mondo è aumentato del 50% e purtroppo è stato a lunga sottovalutato, O forse addirittura ignorato.

Si stima che il 40% del cibo prodotto negli Stati Uniti finisca in discarica. In Gran Bretagna si buttano tra i rifiuti 6,7 milioni di tonnellate di cibo ancora perfettamente consumabile (per un valore  annuale di 10 miliardi di sterline).
Anche in Paesi generalmente ritenuti evoluti ed attenti all’ambiente, come la Svezia, si valuta che  mediamente ogni famiglia getti via il 25% del cibo acquistato.

La voce del nuovo Food Waste Index Report 2021 del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (Unep) e l’organizzazione Wrap si è levata forte e chiara per valutare a livello planetario le dimensioni di questo spreco. Ed indicare i principali nodi da affrontare per dimezzare gli sprechi entro il 2030, uno degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile.

Lo studio ha cercato di individuare i soggetti più coinvolti nello spreco.
Le famiglie dei Paesi sotto osservazione scartano l’11% di alimenti. Un altro 7% viene buttato da servizi e punti vendita al dettaglio. Con un minimo di attenzione, ognuno di noi può notare quanto cibo si sprechi nei ristoranti, ad esempio: non servono tabelle, non servono studi ufficiali per vedere quello che è sempre sotto i nostri occhi.
Parliamo di 121 kg di cibo a testa l’anno (circa 74 chilogrammi per famiglia).

Anche in questo caso, le conclusioni a cui si giunge è che evitare questo spreco porterebbe ad un taglio consistente delle emissioni di gas serra. Inoltre si avrebbe un minor impatto sul pianeta in termini di sfruttamento della Terra: protezione del terreno, aumento della disponibilità di cibo e quindi riduzione della fame.

Da sempre, stride drammaticamente la differenza tra Paesi ricchi e spreconi e Paesi che affrontano da tempo povertà ed arretratezza economica. Ma ora che ci troviamo ad affrontare l’emergenza sanitaria Covid, anche i “Paesi Ricchi” vedono crescere la loro percentuale di cittadini a disagio ed in difficoltà economiche.

Il primo passo individuato dalle ricerche Onu è insegnare ai consumatori come ridurre gli sprechi e guidarli nell’organizzare una dieta sana, rafforzare la sicurezza alimentare, gestire l’aspetto economico dei rifiuti, aumentare l’attenzione all’ambiente. Sono tutti temi che vengono inclusi nei Recovery plan post Covid dei Paesi.

Puntando agli obiettivi dell’Agenda 2030, occorrono investimenti dedicati, da parte di governi, organizzazioni internazionali, imprese e fondazioni filantropiche. Ed anche iniziative specifiche per progettare e realizzare strategie di prevenzione.
Ad esempio, Wrap ha recentemente lanciato la prima Food Waste Action Week nazionale del Regno Unito, promuovendo il messaggio che lo spreco di cibo alimenta il cambiamento climatico.

Nel nostro Paese, Banco Alimentare (fondazione che dal 1989 recupera ogni giorno il cibo non consumato nelle mense collettive e dalla grande distribuzione per redistribuirlo agli enti caritativi) ha visto crescere le richieste di aiuto alimentare mediamente di circa il 40%, anche se si è trovata a fronteggiare un numero di persone in aumento (da 1,5 milioni a circa 2,2).

Ma mille e mille sono le cose da mettere in campo subito, oggi stesso, in tutte le case dell’Italia e del Mondo, per fermare queste scempio.

Ad esempio, iniziando da qui:

COSE FA FARE SUBITO: VADEMECUM IN 10 PUNTI


https://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?menu=notizie&id=3629

https://www.sprecozero.it/wp-content/uploads/2021/02/Lo-sguardo-globale-WWI-05-febbraio-.pdf

https://www.ansa.it/ansa2030/notizie/green_blue/2021/03/05/spreco-alimentare-nel-mondo-gettato-il-17-di-cibo_42a07c6c-cf9d-48e2-8893-78f6de568019.html

https://www.ideegreen.it/spreco-alimentare-in-italia-nel-mondo-64148.html

https://www.consumatori.it/alimentazione/giornata-nazionale-contro-spreco-iniziative/

 https://www.repubblica.it/solidarieta/cibo-e-ambiente/2021/02/05/news/spreco_alimentare_nel_2020_sono_stati_prodotti_soltanto_27_kg_a_testa_di_cibo_gettato_via_ma_non_basta-286124488/